SENZA MANCO CAPIRE PERCHÉ  di Mario Adinolfi

SENZA MANCO CAPIRE PERCHÉ di Mario Adinolfi

Michele Serra attribuì con disprezzo la vittoria di Trump ai “bifolchi (rednecks) dell’Ohio”, Alan Friedman sottolinea che per Boris Johnson hanno votato “i più ignoranti” che fanno i lavori meno qualificati.
Read More

OSTERIA NUMERO MILLE di Mario Adinolfi

OSTERIA NUMERO MILLE di Mario Adinolfi

Lavorare al numero mille de La Croce (domani per gli abbonati) ci fa pensare a chi diceva che saremmo durati tre mesi e invece da cinque anni eccoci qua, ogni giorno, a darvi un punto di vista diverso su quel che accade in Italia e nel mondo.
Read More

GUARDANDO THE AFFAIR di Mario Adinolfi

GUARDANDO THE AFFAIR di Mario Adinolfi

Quando sono nato io, nel 1971, in Italia vivevano da soli poco più di due milioni di persone. Quarant’anni dopo, nel 2011, erano più di sette milioni. Oggi sono otto milioni e mezzo: il 40% sono vedovi, il resto sono divorziati o non sposati. Se devasti la famiglia il prodotto inevitabile è un oceano di solitudine.
Read More

SULLA CRISI DELLA CLASSE DIRIGENTE di Mario Adinolfi

SULLA CRISI DELLA CLASSE DIRIGENTE di Mario Adinolfi

Leggevo del deputato che ha fatto la proposta di matrimonio in aula. Pare fosse tutta una messa in scena, le nozze erano già fissate per il 5 settembre a Ventimiglia, prenotata la chiesa e prenotato pure il ristorante per il pranzo. Tutto finto, tutta comunicazione per avere un attimo di gloria, tutta “narrazione” finalizzata a ottenere qualche riga sui giornali. Risultato ottenuto, congratulazioni al parlamentare leghista.

Read More

RENZI CHIEDERÀ SOLDI PURE PER FARSI VOTARE? di Mario Adinolfi

RENZI CHIEDERÀ SOLDI PURE PER FARSI VOTARE? di Mario Adinolfi

Per una conferenza di Matteo Renzi bisognava pagare 40mila euro, scontati a 25mila attraverso altri canali. Per una “interlocuzione periodica” con lui, 100mila euro annui per 5 anni. Ti credo che a quello nominato da Renzi a Cassa Depositi e Prestiti Immobiliare spa, l’imprenditore Riccardo Maestrelli, sembrava normale dover appoggiare 700mila euro dalle società di famiglia al conto dell’anziana madre, schermando così il prestito fatto all’ex premier per l’acquisto della casa da 1.3 milioni di euro a Firenze. Read More

Rosa Parks di Mario Adinolfi

Rosa Parks di Mario Adinolfi

Il 1 dicembre 1955 Rosa Parks, una sarta quarantaduenne di Montgomery in Alabama, stanca dopo una giornata di lavoro si sedette nella zona dell’autobus “riservata ai bianchi” non essendoci altri posti disponibili. Quando un bianco, salito alla fermata successiva, le intimò supportato dall’autista del bus di cedergli il posto, lei rispose semplicemente e pacatamente: “Nah”. No. L’autista fermò il bus, chiamò la polizia e Rosa la sarta fu arrestata e incarcerata per “condotta impropria”. Quella incarcerazione diede il via al movimento per i diritti civili che finalmente e dopo anni di lotte chiuse la stagione del segregazionismo negli Usa. Ci sono leggi sbagliate che sono prepotenze verso i più deboli: possono e devono essere combattute, penso ad aborto ed eutanasia in primis. La forza delle leggi è che fanno costume generale e possono essere sostenute dalla violenza dell’ordinamento. A maggior ragione vanno combattute, mettendo in gioco tutto di noi stessi, finanche la nostra stessa libertà. L’esempio di Rosa Parks è cristianamente forte perché ci dice anche che alla fine, dopo una lunga e pericolosa lotta, si vince. Basta essere pronti a pronunciare la prima parola e ad accettarne le conseguenze. E la prima parola è: no. Nah. Viva Rosa Parks.